Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti. Proseguendo nella navigazione accetti l’utilizzo dei cookie.

Cookies Policy

Istituto Comprensivo Lodi Terzo

Don Milani senzatomica

Trasformare lo spirito umano per un mondo libero dalle armi nucleari
senzatomicaCon vivo interesse e forte spirito di partecipazione le classi terze C e D e la seconda D hanno visitato questa settimana la mostra SENZATOMICA di Lodi.

Il percorso parte da un riflessione su quanto accaduto in Giappone dopo l’esplosione dei due ordigni nucleari a Hiroshima e Nagazaki. Affronta la tematica della presenza di ancora molti ordigni nel mondo e sottolinea quanto sia devastante e senza vincitori l’utilizzo della bomba nucleare in caso di conflitto.

Abbiamo riflettuto e giocato per dimostrare che li possiamo superare, abbiamo visto video con le testimonianze dei sopravvissuti, costruito origami e “trasformato” la bomba. Ogni alunno ha fatto sì che la bomba diventasse strumento di pace, esprimendosi con creatività e lasciando un messaggio di pace.

La mostra multisensoriale e multitasking ci ha permesso di vivere un momento di condivisione e di divertimento.
Il mondo è così armato perché lo è ogni singolo individuo!
Giocare per dimostrare che i conflitti li possiamo superare, sia quelli sociali che personali.
Infatti l’indirizzo e la certezza del disarmo mondiale si basano sul superamento dei conflitti individuali.

Per la Senzatomica di Lodi si è scelto come simbolo e testimonial il Drago Tarantasio per più motivi.
Come per l’ordigno nucleare il drago può contemporaneamente rappresentare per gli uomini due significati opposti. Infatti in occidente il drago è portatore di sventure e di paure mentre in oriente di buona fortuna e ricchezza. Anche le bombe nucleari per molti vengono create e vendute come massimo simbolo di sicurezza per le nazioni, quando invece abbiamo capito con questa mostra che mette in pericolo tutta l’esistenza umana.

Sino al 1600, la chiesa di San Cristoforo custodiva due costole del Drago Tarantasio (probabili di qualche mammut) con le quali ogni anno ci facevano una processione per Lodi.

La location della mostra ha ispirato e voluto unire questi due aspetti.